La borsa di studio “Dino Ferrari”

Nel 1956 il corso motoristi viene sostituito dalla borsa di studio “Dino Ferrari” dedicata al figlio del Drake scomparso prematuramente.

L’esperienza del corso triennale motoristi fondato da Enzo Ferrari per formare i propri operai e i giovani maranellesi desiderosi di prendere un diploma dura dieci anni. Nel 1956 il progetto si interrompe bruscamente. Qualcosa è successo nella vita di Enzo Ferrari: suo figlio Dino, promettente ingegnere di 24 anni, è venuto a mancare a causa di una grave forma di distrofia.

Come è comprensibile, il lutto segna una battuta di arresto su molti fronti. Il progetto sulla formazione, però, non è del tutto abbandonato. Nello stesso anno Enzo Ferrari decide di istituire una borsa di studio che sostituisca, almeno in piccola parte, la missione della scuola motoristi.

La borsa, intitolata al figlio, viene deliberata all’unanimità dal Consiglio Comunale e ha lo scopo di sostenere negli studi un “giovane povero” perché possa “lodevolmente conseguire il Diploma di Perito industriale”. L’avventura scolastica cominciata nel 1946, dunque, non è finita, e nell’arco di qualche anno rinascerà del tutto, ancora più forte e strutturata di prima.

 

Bibliografia
AAVV, “A. Ferrari 50, 1963 – 2013, Istituto Tecnico e professionale”, 2013, IPSIA Maranello