IL MUNICIPIO

Piazza della Libertà: centro cittadino, cuore di Maranello.

La sua è una storia recente: viene infatti costruita dopo la crisi del 1929 per contrastare la disoccupazione e dare un lavoro alla popolazione. Siamo nel periodo fascista e il nome scelto per il nuovo spazio è Piazza Roma: il nome attuale, Piazza della Libertà, arriva solo dopo la fine della guerra. Durante il Ventennio la piazza è usata come spazio per esercizi e saggi ginnici. Poi, nel 1938, diventa sede del nuovo Municipio, costruito in stile razionalista, ancora oggi sede degli uffici comunali.

Circa nello stesso periodo Maranello viene autorizzata ad avere un proprio stemma: la decisione arriva nel 1931 e lo stemma scelto raffigura un albero di pero, intrecciato a una pianta di vite, che affonda le sue radici su un prato fertile. L’albero significa “tenacia” e fa riferimento, assieme alla vite, alle principali coltivazioni della zona, per lungo tempo caratterizzata da un’economia prevalentemente agricola.

Nel 2000, l’artista Mario Montanari ha fatto dello stemma di Maranello un mosaico, proprio qui, sulla pavimentazione di Piazza della Libertà. A comporlo, sedicimila tasselli in marmo e pietre  semi-preziose da ogni parte del mondo: quasi un tassello per abitante, a testimoniare lo spirito di coesione e accoglienza della città.